Il Parmigianino e l'Alchimia


Parma celebra il quinto centenario della nascita di uno dei suoi cittadini più illustri, Franceso Mazzola, meglio conosciuto con il nome che gli viene proprio dalla sua città, il Parmigianino.
Al centro degli eventi organizzati, la grande mostra intitolata Parmigianino e il Manierismo europeo, che vedrà esposte opere conservate nelle maggiori collezioni mondiali. Insieme al Parmigianino saranno rappresentati autori suoi contemporanei come Pontormo e Rosso Fiorentino e quelli che l'hanno preceduto e influenzato, primo fra tutti il Correggio.
La mostra è costruita come un itinerario che condurrà i visitatori dalle sale della Galleria Nazionale al Palazzo Pilotta, attraverso il Teatro Farnese, le sale della Rocchetta e i Voltoni che circondano il cortile del Guazzatoio.

Tra le varie sezioni, da segnalare quella dedicata agli ultimi anni di vita dell'artista e ai suoi rapporti con l'alchimia. La pratica dell'alchimia sarà aperta dal 9 febbraio al 15 maggio presso il Centro culturale Santa Chiara di Casalmaggiore, tappa conclusiva della mostra e della vita dell'artista. Articolata in tre sezioni, oltre ai dipinti del Parmigianino, alle sculture di Giovambattista Fornari e a una serie di incisioni, disegni e bronzetti, esporrà trattati filosofici, manoscritti e incisioni, strumenti e apparecchi alchemici, ricettari e libri antichi.

Il Sito ufficiale delle manifestazioni presenta l'artista, le opere, e fornisce tutte le indicazioni per il pubblico.