Leggere il Messico e il Guatemala

Libri da leggere o da sfogliare, siti Internet da visitare, per partire alla scoperta di questi due paesi con qualche informazione sulla storia, i miti, le leggende, la narrativa "classica" e contemporanea.
O da prendere in mano al ritorno.

Bernal Diaz del Castillo, La conquista del Messico, Tea
La storia raccontata in diretta, in questo libro scritto da un soldato spagnolo che, dopo aver partecipato alla distruzione della civiltà azteca, racconta l'ambiguità e la ferocia della stessa conquista con il suo carico di devastazione e di dolore.
Trapela, anche in modo inconsapevole, in queste pagine la fascinazione e l'ammirazione per un mondo e una civiltà che l'autore stesso aveva contribuito a distruggere.

Karl Taube, Miti aztechi e maya, Mondadori
Dopo la storia, la mitologia: le antiche civiltà, sia pure soccombenti allo scontro con il mondo occidentale, restano vive e presenti nelle opere monumentali che ogni viaggiatore ammira e nei miti e nelle credenze religiose che si mantengono nel tempo.
Questo libro è una breve introduzione a questi temi, continuamente riaffioranti nel corso di un viaggio in Messico e Guatemala.

Rosario Castellanos, Il libro delle lamentazioni, Marsilio
Il libro, grande successo letterario quando uscì in Messico negli anni '60, è ancora di grande attualità perché racconta di fatti veramente avvenuti, tra il 1869 e il 1871, nella zona del Chiapas, teatro di violenti conflitti: la storia della ribellione del Chiapas si rifà alla leggenda di una giovane donna india che scopre delle "pietre parlanti" portatrici del messaggio divino.
L'importanza di queste pietre miracolose come elemento di coesione intorno al quale è cresciuta la coscienza della rivolta è riconosciuta ancora oggi dagli storici.
Rosario Castellanos, nata nel 1925 a Città del Messico e cresciuta a Comitan, nel Chiapas, è una delle figure di rilievo nel panorama culturale messicano, grazie alla sua attività di scrittrice, femminista, docente universitaria e funzionaria dell'Istituto per le popolazioni indigene.

Elena Poniatowska, Tinissima, Frassinelli
Il romanzo della vita di Tina Modotti, emigrante, rivoluzionaria, fotografa e testimone della storia del Messico degli anni '20 e '30. Ancora oggi, grazie alle biografie, alle mostre fotografiche in tutto il mondo ed a un film, il ricordo di Tina Modotti, donna libera e fuori dagli schemi di allora, è vivissimo.
Se Tina Modotti fu un personaggio d'eccezione, anche l'autrice di questo libro non è da meno.
Giornalista e poi scrittrice, la Poniatowska si dedicò a questo libro per 16 anni, intervistando i testimoni e ricostruendo le vicende della breve e intensa vita di Tinissima.
Dal giornalismo passò alla narrativa e alcuni suoi romanzi sono stati tradotti con successo in tutto il mondo.
Da leggere in rete:
una cronaca dell'eccidio degli studenti a Città del Messico nel 1968, scritto dalla Poniatwska a 30 anni dal fatto: http://www.media68.com/ita/press/press81.htm

Tina ritratta da Edward WestonEdward Weston, Ritratti al vivo, Pratiche
Ancora Messico e Tina Modotti in questo diario che il grande fotografo scrisse tra il '23 e il '26, durante il suo viaggio in questo paese, accompagnato da Tina, che da sua musa e modella diventò fotografa e poi partecipe alla vita politica messicana come iscritta al Partito Comunista.
Edward Weston è sicuramente uno dei pionieri della fotografia moderna, le cui opere hanno totalmente cambiato il modo di percepire la realtà attraverso la fotografia.
Su Internet potete leggere un ricordo di questa coppia e vedere alcune fotografie:
1923/1926 Mexico: The Legend of Tina and Weston
http://www.chroniclebooks.com/Adult/Titles/8118/05/05026/05026e.html

Suor Juana Inés de la Cruz, Versi d'amore e di circostanza, Einaudi
La figura e l'opera di Suor Juana Inés de la Cruz superano i confini del Messico, paese in cui nacque e visse, per entrare nellla cultura mondiale.
Nata nel 1648 e morta nel 1693, da una famiglia di umili origini, lasciò la vita di corte cui si era dedicata nei primi anni della giovinezza per farsi monaca e coltivare i suoi interessi culturali.
Fu poetessa, drammaturga e scienziata.
Le sue opere e la sua straordinaria esistenza sono ancora oggi al centro di studi e ricerche.

 

Avanti