Vikram Chandra, Terra rossa e pioggia scrosciante, Instar Libri.
Chi é davero Parashar, una scimmia dal muso bianco che frequenta abitualmente la casa di Ashok e Misra?
La reincarnazione di un uomo o delle molte scimmie che non vogliono stare con i loro simili e preferiscono la compagnia degli umani?
E perché il giovane Abhay tornato in India dopo anni di studio all'estero decide di ucciderla?
E Hanuman, figlio del vento, immortale sinché le donne e i bambini racconteranno la sua storia, perché non vuole che Parashar muoia?
Così Parashar stringe un patto con Yama, il signore della morte: racconterà ogni sera una storia, e Yama tornerà solo quando gli ascoltatori delle storie si annoieranno.
Dello stesso autore é in italiano anche Amore e nostalgia a Bombay, Edizioni Feltrinelli.
Vikram Chandra é nato a New Delhi nel 1961 vive tra Washington e l'India.

Anita Desai, Chiara luce del giorno, Einaudi, L.26.000.
Una famiglia al centro di uno dei migliori libri della Desai, scrittrice nata a Delhi da madre tedesca e padre bengalese, educata in India e poi in America, ed ora docente al Mit.
Il libro racconta della vita di una casa nella vecchia Delhi, delle relazioni tra i fratelli e le sorelle, fino allo scioglimento del nucleo familiare.
Raya segue il suo amore, cambiando famiglia e poi andandosene lontano, Tara si sposa e decide di vivere all'estero. Solo la sorella Bimla resta, nella vecchia casa, ad accudire il quarto fratello handicappato.
Parallelamente al racconto familiare, un'India di tensioni e contrasti, con religioni, dialetti, usi e costumi, culture differenti, alla perenne ricerca della riconciliazione.
Anita Desai é nata nel 1937, a Mussoorie, in India; vive ora negli Stati Uniti.
Per maggiori informazioni sulla scrittrice http://www.cis.upenn.edu/~anoop/distrib/indianlit.tgz

Arundhati Roy, Il Dio delle piccole cose, Guanda.
"Maggio ad Ayemenen é un mese caldo, meditabondo. Le giornate sono lunghe e umide. Il fiume si ritira e i corvi neri si rimpinzano di manghi lucidi".
India, fine degli anni 60, le più rigide tradizioni, il sistema delle caste, raccontate attraverso gli occhi di Estha e Rathel, gemelli, figli di separati.
Primo romanzo di una giovane scrittrice del Kerala che ha raggiunto il successo internazionale.
Arundhati Roy é nata nel Kerala e vive a Nuova Delhi.

Viramma, Josiane Racine, Jean Luc Racine, La risata degli oppressi -Vita di un'intoccabile-, Pratiche editrice.
Viramma é una donna che vive in un villaggio del Tamil Nadu, madre di dodici figli. Appartiene al mondo degli "intoccabili", i paria della società che nella rigida strutturazione sociale indiana cercano una via di riscatto.
Analfabeta, possiede però il dono del racconto, e questa é la sua storia, raccolta in dieci anni di incontri da Josiane Racine, studiosa francese di nascita indiana, che con Viramma condivide una lingua, il tamil.

Sandra Petrignani, Ultima India, Baldini e Castoldi.
Giornalista, scrittrice, la Petrignani racconta in questo veloce libretto la storia di un suo viaggio, nell'inverno del 1994.
Guida casuale, ma alla lunga determinante nell'accompagnarla alla scoperta di luoghi e personaggi, é Ayyappan, un' "anima semplice", che fa da controcanto alle osservazioni e alle scoperte di una ironica viaggiatrice dallo sguardo "italiano".

Robyn Davidson, Gente del deserto, Zelig Editore.
Ogni anno i Rabari, tra le ultime popolazioni nomadi, attraversano il deserto di Thar al seguito delle loro mandrie. E Robyn Davidson vuole essere con loro.
Coltiva questo desiderio per molti anni, e finalmente nel 1992 il suo sogno si realizza. Ma l'anno poco importa, perché le vita quotidiana dei nomadi é uguale nel tempo, inesorabilmente diversa anche dalla vita di una persona, la Davidson, che ha scelto il viaggio come dimensione esistenziale.
Una testimonianza eccezionale, di grande vivacità, che rimarrà a raccontare un mondo che sta scomparendo. E a far riflettere sul confine culturale che separa la vita nomade dalla vita di tutti noi.

Segnaliamo anche
"Le mille voci dell'India" di Maria Antonietta Saracino, un ampio articolo sulla letteratura indo-inglese contemporanea, pubblicato sulla rivista Effe e visibile in rete a questo indirizzo: http://www.feltrinelli.it/effe/frame-effe/articoli/saracino.html