<
 


La Provenza

Si puņ iniziare ad esempio della celebre isola di Porquerolles, al largo di Hyeres, dove Maigret si reca, chiamato dal commissario locale, per scoprire l'assassino di Marcellino, un piccolo delinquente che una sera al bar, All'Arca di Noè, si era dichiarato grande amico del celebre investigatore parigino. E così Maigret lascia la pioggia battente di Parigi per raggiungere con il Treno Azzurro la piccola isola, spazzata dal Mistral.

"C'erano circa tre miglia, tra la punta di Giens e Porquerolles. Via via che avanzavano su quell'acqua di seta, l'isola precisava i suoi particolari, mostrando i capi, le baie, gli antichi fortini, nascosti nel verde, e proprio in mezzo un gruppetto di case chiare e il campanile bianco di una chiesa che sembrava saltata fuori da una scatola di costruzioni... Il porto era minuscolo, con la sua gettata a sinista e un promontorio roccioso, coperto di pini marittimi a destra. Nello sfondo, dei tetti rossi, delle casette bianche e rosa, in mezzo ai palmizi, alle mimose, ai tamerici."

L'inchiesta si snoda tra le calate del porto, le ville nascoste tra la vegetazione, i tavoli delle poche locande frequentate dagli habitues, le barche da pesca e i panfili dei ricchi stranieri ammalati di "porquerollitudine", una malia che rischia di contagiare anche il nostro investigatore, e ancora oggi attira sull'isola turisti da ogni angolo di Europa.

Per seguire le mosse del commissario, fino alla scoperta del colpevole, leggete "L'amico di Maigret".

Per programmare una vostra vacanza sull'isola http://www.provenceweb.fr/e/var/porquerolles/porquerolles.htm

http://www.portcrosparcnational.fr/visite/porquerolles/presentation/

Per gli appassionati di diving, anche se Maigret ne avrebbe orrore...
http://www.porquerolles-plongee.com/