TITOLO  

Una leggenda della danza
http://www.sfmuseum.org/bio/isadora.html

 


Alla figura di Isadora Duncan si sono ispirati sia il cinema sia la letteratura, affascinati dalla sua visione della danza che ha portato una vera rivoluzione in quest'arte, ma anche dalla sua vita anticonformista, segnata dal successo e dalla tragedia. Quello che vi proponiamo in questa pagina è un testo del giornalista americano Samuel Dickson, scritto inizialmente per la serie radiofonica San Francisco is Your Home, e poi pubblicato in San Francisco Kaleidoscope (1949). A offrire quest'omaggio a un'artista così singolare è il Museo storico di San Francisco, città natale di Isadora Duncan, che qui vediamo ritratta dal fotografo Arnold Genthe.
Prendendo le mosse dall'isolato in cui sorge la casa dove vivevano i Duncan, Dickson ripercorre l'infanzia di Isadora e dei suoi fratelli, segnata dal divorzio dei genitori, dalla miseria e dall'amore per la danza, e ne segue poi le tracce in Europa, fino all'incontro con l'attrice Patrick Campbell che le aprirà le porte del successo e all'incidente che le costò la vita a Nizza, strangolata da una sciarpa impigliata nelle ruote dell'auto. Il racconto è scritto in un inglese facilmente comprensibile, ricco di suggestioni e di memorie di altri protagonisti dei primi decenni del secolo.