TITOLO  

La maledizione dell'oro
http://thehistorynet.com/WildWest/articles/1997/1297_text.htm

Se la scoperta dell'oro in California, a metà del XIX secolo, portò fortuna ad alcuni - pochi - dei tanti disperati che accorsero in massa da tutto il mondo, l'uomo cui si attribuisce l'inizio della febbre non fu tra questi. James Wilson Marshall scoprì casualmente una pepita d'oro mentre stava lavorando alla sua segheria, ai piedi della Sierra Nevada; in un primo tempo tentò di tenere segreta la locazione e successivamente di farsi pagare i diritti di sfruttamento dai nuovi venuti, ma non riuscì a ottenere nulla, se una modesta pensione statale per un breve periodo della sua vita. Amareggiato e deluso, cominciò a vantare poteri soprannaturali e condusse una vita in fuga, perseguitato dalla sua fama, finché non morì povero e alcolizzato. Per ironia della sorte, oggi viene ricordato come uno degli uomini che hanno fatto la storia della California. In questo articolo di Richard H. Peterson, docente all'Università di San Diego, pubblicato nel 1997 dalla rivista The Historynet, potete leggere la sua storia; allo stesso argomento Historynet dedica anche l'immagine del giorno in data 24 gennaio 1999: http://www.thehistorynet.com/THN_gallery/0130.htm.
Sulla corsa all'oro in California, vedi anche l'articolo di erewhon L'oro della Rete, nell' archivio 1999 della sezione Narrare.