Thelonious Monk
http://tinpan.fortunecity.com/verve/838/monk.htm

<<Benchè ha ricevuto un insegnamento classico, Monk suona "scorrettamente" con le sue mani che cadono parallele sulla tastiera. Lui non batte ai tasti nel modo che alcuni immaginano. E' una cosa fluente. Ha mai pensato di tenere le sue mani nella maniera formale? "Così è come tu dovresti fare? chiese, con gli occhi spalancati, "io le tengo nel modo in cui mi sento di tenerle. Colpisco il piano con il mio gomito alla volte a causa di un certo suono che vorrei sentire, certi accordi. Non puoi avere tutte quelle note con le tue mani. Alcuni ridono quando lo faccio. Già, lasciamoli ridere! Sentono il bisogno di qualcosa di cui ridere.>>
E' un brano di una intervista a Thelonious Monk, fatta a Londra negli anni '60, durante un suo tour europeo. Monk, morto nel 1982, è stato un pianista e compositore jazz (sottolineatura per chi non segue questo genere musicale e, forse, la musica in assoluto, perché la fama di Monk supera facilmente i confini del jazz) che è stato figura di riferimento per centinaia di altri musicisti. Vita, opere, discografia e album di immagini sono disponibili in una sezione di un web italiano ben fatto e dedicato a varie personalità del jazz.