Il futuro del cinema
http://www.fipresci.org/cinema/ebert.html

Vi mandiamo a un documento, una singola pagina web che contiene un testo scritto da Roger Ebert, critico cinematografico. In esso si parla di una nuova tecnologia di proiezione che consente di passare a 48 fotogrammi al secondo, dai 24 fotogrammi attuali. Quindi una tecnologia su pellicola.

Oib˛, ma non doveva essere digitale il futuro del cinema? Non doveva andare in pensione la cara, vecchia pellicola che ci ha seguito fin dalle origini? Ebbene, questa tecnologia a 48 fotogrammi, presentata a Cannes 2000, sembra sia destinata a invertire la rotta. Le immagini che si ottengono con questo standard di proiezione paiono di una forza visiva tale da offuscare ogni tecnica digitale.