Gastrobot
http://www.eng.usf.edu/~wilkinso/gastrobotics/page2.html

 

 

La definizione "gastrobot" vuol dire proprio "robot che possiede un apparato gastrico". Naturalmente non ci dobbiamo immaginare un apparato completo e articolato come quello di un essere vivente. La definizione ha esigenze minori: una macchina che per muoversi e fare quello che deve fare ricava le sue energie dalla digestione di cibo.

E a questo punto uno potrebbe anche pensare che la parola "cibo" rimandi in senso generico a sorgenti energetiche come l'elettricità, o la benzina. E' vero, potrebbe essere così, ma sarebbe una banalità. No, qui si intende un robot che si nutre di cibo, quello di cui si nutrono gli animali.

Il prototipo, dal nome suggestivo Chew Chew, è stato presentato ad un convegno internazionale di robotica che si è tenuto alle Hawaii nell'Agosto 2000. Nasce presso l'Università della Florida del Sud, a Tampa. Al momento Chew Chew - che come prestazioni si limita a muoversi (è una specie di trattore con due carrelli trainati) - si nutre di cubetti di zucchero che il suo stomaco trasforma in energia elettrica.

Lo sviluppo delle ricerche, tuttavia, prevede che si passi ad una alimentazione più normale: carne, per esempio (orrore!). Il principio alla base del funzionamento è una cella a combustibile microbico e, per l'esattezza, a batteri di Escherichia Coli. Insomma, tutta la vicenda fa abbastanza impressione. Le caratteristiche di Chew Chew sono ben spiegate in un sito che ad esso è dedicato, raggiungibile all'indirizzo che vi abbiamo segnalato.

 

 


@