Donne e conoscenza storica  

 

torna al sommario

 

INTRODUZIONE

BIOGRAFIA

RAPPORTI CON GARIBALDI

RAPPORTI CON MAZZINI

RAPPORTI CON MARIO

QUESTIONE FEMMINILE

OPERE

LETTERE A RIBOLI

FIGURA DI SARA NATHAN

 

 

 

 

 

RAPPORTI CON ALBERTO MARIO

Il legame tra Miss White e Alberto Mario nasce all'ombra delle insegne mazziniane per poi fortificarsi nel rispetto delle reciproche idee, che poi porterà i due coniugi ad una definitiva separazione finale avente come spinta promotrice da una parte Mazzini e Garibaldi, e dall'altra il federalismo di Cattaneo.

Jessie e Alberto si incontrano per la prima volta a Genova nel 1857 e nello stesso anno sono arrestati con l'accusa di essere tra gli organizzatori della spedizione di Pisacane nel Sud della penisola. L'esperienza del carcere li avvicina ulteriormente e trasforma il loro sentimento di amicizia in un qualcosa di più profondo e personale. Politicamente sono sempre molto diversi e Bertelli ha così descritto questa loro diversità: «La Jessie mazziniana ardente e unitaria intransigente; Alberto seguace di Cattaneo e Ferrari, federalista logico e convinto; le tendenze e la cultura della Jessie essenzialmente moderne; la cultura di Mario essenzialmente classica. La Jessie portata a preferenza agli studi sociali, Mario a quelli politici e letterari, antisocialista e individualista fanatico. La Jessie indulgente verso Crispi, non ne negò mai le benemerenze patriottiche e l'opera legislativa; Mario del Crispi critico spietato e talora ingiusto».

Ciò che risalta della persona di Alberto Mario è un forte interesse per la cultura in genere. Questa sua particolare inclinazione allo studio lo rende uomo di grande riflessione e coscienza pratica che non si concretizza mai nella volontà di agire violentemente, come invece prevedeva il programma mazziniano, ma auspicava un'evoluzione scientifica della società.

Alberto Mario è tra quegli uomini che sia in ambito politico, sia nei confronti della sua compagna inglese mostra sempre moderazione e apprezzamento; non costringe mai la White a scelte improprie, accettando nel massimo rispetto degli ideali mazziniani, nonché garibaldini, la volontà della moglie.

Il rapporto tra Alberto e Jessie avrebbe dovuto avvicinare il riformista di Lendinara al profeta dell'Unità, lo avrebbe dovuto aiutare a vincere certe perplessità riguardanti il programma politico repubblicano. Invece, l'incontro con la cultura sassone, fa di Mario un libero pensatore e ne favorisce la maturazione politica in chiave evoluzionista e federalista. Scrive Mario: «Jessie White ha profondamente modificato la mia educazione politica e letteraria, sfrondandola, per quanto le riuscì, del rigoglio retorico, richiamandomi all'osservanza del reale e iniziandomi nei segreti del pensiero inglese, mondo nuovo per me che veleggiavo placidamente sul lago dell'idealismo hegeliano».

Patriota e scrittore (Lendinara, 1825 - ivi, 1883). Partecipa alla campagna del Veneto, alla difesa di Bologna, ai preparativi per la spedizione di Sapri, a diverse imprese garibaldine. Amico e collaboratore del Mazzini, si sposta in molte città d'Italia propugnando le idee liberali e la libertà d'Italia, tiene conferenze politiche negli Stati Uniti, dirige molti giornali libertari, viene più volte imprigionato ed esiliato.