Donne e conoscenza storica  

 

torna al sommario

torna a: I MARTIRI DI BELFIORE

torna a: LE DONNE DI BELFIORE

 

 

 

 

 

 

LE DONNE DI BELFIORE

CAMILLA MARCHI

Nata nel 1825 a Mantova, al termine del corso di studi s'interessò di pedagogia.

Negli anni quaranta divenne direttrice degli asili infantili mantovani e sostenitrice degli ideali patriottici.
Secondo lo storico Luzio fu "la maggiore confidente di don Enrico Tazzoli" e con lui fu coinvolta negli arresti del 1852, in seguito venne imprigionata il 18 aprile dello stesso anno con la madre Annunziata.
Solo quattro giorni dopo venne rilasciata ma venne inquisita per congiura contro il governo austriaco.
Fu in un primo tempo accusata dai patrioti di averli denunciati ma poi tutti convennero che aveva in un primo momento ammesso ma poi ritrattato il solo fatto che il cifrario segreto dei filounitari era conosciuto esclusivamente da don Tazzoli, Acerbi e Luigi Castellazzo (il vero rivelatore alla polizia della chiave di lettura dei dispacci).

Nessuno venne punito ingiustamente per causa sua ma le venne tolta la carica di direttrice degli asili. Sposò qualche tempo dopo Faustino Arrighi e si trasferì a Lonato, dove intorno al 1905 si spense.