Donne e conoscenza storica

Ritorno al Sommario

 

 

PATRIARCATO

Secondo Gerda Lerner il patriarcato è "la manifestazione e istituzionalizzazione del dominio maschile su donne e bambine/i nella famiglia e l'estensione del domino maschile sulle donne alla società in generale. Implica che gli uomini ostentino il potere in tutte le istituzioni importanti della società e che le donne siano private di accesso a questo potere. Questo non implica che le donne manchino totalmente di potere né che siano totalmente private di diritti, influenza e mezzi"(1)

Al patriarcato non si oppone il matriarcato perché le madri come gruppo sociale non hanno mai dominato i padri come gruppo. Giuditta Lo Russo dimostra come la paternità sia stata creata culturalmente proprio per attribuire un ruolo agli uomini nella procreazione.(2)

Una struttura fondante del patriarcato è dunque la parentela, organizzazione delle relazioni sociali al cui centro sono posti la coppia eterosessuale e il dominio del marito sulla moglie, creando gerarchia. Alla base del patriarcato si pone anche il Contratto SessuaIe che, secondo Carole Pateman (3) precede il Contratto Sociale ed è il patto implicito stipulato tra uomini sul corpo delle donne che le ha private della sovranità su di sé, confinandole nella sfera della riproduzione biologica e sociale, definendo e limitando i contenuti della sessualità femminile.

Secondo Antonella Picchio:" Gli uomini hanno sempre oppresso le donne non con la loro forza ma con la loro debolezza: in particolare con la loro impotenza nell'affrontare la loro debolezza nelle contrattazioni pubbliche e il loro potere di scaricarla poi nel privato. L'individuo neutro non solo è maschile ma nasconde anche una debolezza profonda ed endemica rispetto alle condizioni di vita materiali ed emotive; condizioni che ci si aspetta vengano rese sostenibili da una massa di energie femminili enorme, tale da mantenere a galla gli uomini ed affondare nella miseria le donne. Il patriarcato è sempre servito per rispondere alla debolezza maschile garantendo arbitri privati in compensazione di debolezze pubbliche.(4).


Note

1) Maria Milagros Rivera Garretas, Nominare il mondo al femminile, Roma, Editori Riuniti, 1999, :p. 49

2) Giuditta Lo Russo, Uomini e Padri. L'oscura questione maschile, Roma, Edizioni Borla, 1995, p.62

3) Carole Pateman, Il contratto sessuale. Roma, Editori Riuniti, 1997

4) Antonella Picchio, False Dicotomie, in "Il paese delle donne", a. X, n.29-30, 26 giugno 1997
Eadem, Social Reproduction, Cambridge, Cambridge University Pree, 1991