Donne e conoscenza storica
         

Internazionale 13-19 ottobre 2006 n°662-663


Una donna sola

di Laura Minguzzi

Anna Politkovskaja era famosa per le sue inchieste in Cecenia. Ma la Nòvaja Gazieta la ricorda ripubblicando un articolo su un amico speciale, il suo cane Van Gogh. Vi consiglio di leggerlo.
La verità come un cane malato, disprezzato, picchiato, abbandonato. E' il triste destino che hanno subito i numerosi cani randagi di Mosca, oggetto dei capricci dei nuovi ricchi. Usa e getta contestuale. E' risaputo che in ogni casa russa ci sono cani, gatti, uccellini che vivono insieme pacificamente, amati e accuditi. Questo era almeno fino all'arrivo della modernizzazione accelerata degli anni novanta. Anna Politkovskaja ha curato, amato e accudito la verità dei fatti come il cane malato che l'ha implorata di prenderlo con sé. Vivere per la verità , un rischio assunto consapevolmente che in Russia non interessa quasi nessuno. In Cecenia vanno a combattere i figli della povera gente non i figli della classe medio-alta. A me colpisce e angoscia la facilità con cui ogni giorno si uccide chi lotta per portare la verità in ogni luogo, nelle banche, nei giornali, nei campi di battaglia. Una voce viva, forte e libera, quella di Anna, fuori dal coro della manipolazione dei fatti, dall'autocensura. Ma.. isolata e sola, per questo è stato tanto facile farla fuori sotto gli occhi delle telecamere che hanno filmato il volto del killer, affittato da......un mandante che non sarà mai trovato. Di questo sono sicuri i moscoviti, i russi in generale. Che la verità non si saprà mai! Sfiducia, rassegnazione, vita frenetica per andare avanti. Però adesso con Putin e grazie al caro prezzo del petrolio e del gas gli stipendi e le pensioni sono pagati puntualmente e si può fare shopping. A Milano c'è il turismo alla giapponese, scappa e fuggi. Incontro spesso gruppi di turisti e turiste che provengono da varie città e regioni (Mosca, Pietroburgo, Kalingrad, Vologda..) che fanno acquisti in Corso Vittorio Emanuale, da Furla, alla Rinascente, da Vitton. Madri che accompagnano le figlie a comprare borse e borsette firmate da mostrare a casa alle amiche e agli amici...Per questo Putin è popolare: garantisce stabilità..E' una nuova situazione ma in cui resta sempre attuale il grido di dolore, che è anche il titolo di una celebre commedia dell'800 di A. Griboiédov "Che disgrazia l'ingegno!" in cui lo scrittore denunciava la censura e l'assolutismo autocratico dello zar Nicola I e la vita grama e difficile di chi aveva il coraggio di dire la verità.

18 ottobre 2006