Donne e conoscenza storica

Immagini

La sessualità: al cuore della politica femminista

Per la filosofia non esistono le classi, ma non per Jane Austen

La post-modernità e le differenze sociali

La sessualità e Michi Staderini

Cosa dice Antoinette Fouque su oro e fallo

Luisa Muraro: il desiderio vale più dei soldi

Adesso: mia madre

Sesso e sessualità

Sessualità e amore

I conflitti

La sessualità e Michi Staderini

E' la femminista romana Michi Staderini, scomparsa qualche anno fa, a riprendere l'analisi sulla sessualità di Foucault in assenza - dice - del discorso femminile su sesso e potere (14).

Questo libro postumo rappresenta una ricerca durata molti anni su riviste e film a luci rosse, come si legge nella presentazione di Lia Migale. Nei primi capitoli l'autrice analizza lo scontro all'interno del movimento femminista americano. Andrea Dworkin e Catherine Mc Kinnon sono convinte che la pornografia solleciti lo stupro. Nel 1983 riuscirono a fare approvare una legge, dichiarata anticostituzionale, la quale censurava la pornografia <<in quanto propaganda contro la donna>>. Il dibattito non si fermò e continuò la battaglia legale.
Negli stessi anni esattamente nel 1981 il collettivo Samois pubblicava Coming to power dove spiegava alle donne che cosa era il sadomasochismo. Se nel 1979 Andrea Dworkin aveva pubblicato Pornography, men possessing women, <<centrato sull'analisi della pornografia per dimostrare con esempi dettagliati come essa sia causa della violenza sessuale>>, per Samois invece <<il sadomasochismo è una pratica consensuale >> e questo aspetto è centrale, sono i gruppi antiporno - convinti che << nessuno può consentire alla propria degradazione>> - a confondere il sadomasochismo con la violenza sessuale. Sadici e masochisti sessuali sono gli uni oppressori e gli altri vittime. <<Questo è falso per Samois: non solo perchè i ruoli si alternano e quindi non si tratta di due gruppi rigidi e distinti, ma anche perchè nè la classe, nè la razza, nè il genere, corrispondono ai ruoli adottati nel rapporto sadomasochista, che perciò non riproduce oppressioni sessuali>> (15)

Nel libro di Michi Staderini l'interrogazione sulle disparità sociali acquista una risposta originale e in sintonia con la cultura del nostro tempo.
L'autrice concorda con Foucault che occorre spostare la domanda da <<qual'è la sessualità femminile>> a <<come regolare relazioni sessuali libere>>. Sono le forme di relazione fra i partner che possono essere criticabili, non il modo come si danno piacere che sia sesso a pagamento e sadomasochismo o amore romantico.

<<Poiché è nel gestire la relazione che passa, a mio avviso, il potere nello specifico dei rapporti sessuali.
Come traslano le differenze di potere sociale, economico e culturale nella relazione sessuale?>>(16)