Donne e conoscenza storica

Immagini

La sessualità: al cuore della politica femminista

Per la filosofia non esistono le classi, ma non per Jane Austen

La post-modernità e le differenze sociali

La sessualità e Michi Staderini

Cosa dice Antoinette Fouque su oro e fallo

Luisa Muraro: il desiderio vale più dei soldi

Adesso: mia madre

Sesso e sessualità

Sessualità e amore

I conflitti

La post-modernità e le differenze sociali

I soggetti maschili sono di solito un'attrazione ineludibile nel XIX secolo. Il sogno rivoluzionario è stato un sogno d'amore e si è autoalimentato in energie femminili che immaginavano una società migliore per sé, mariti, figli, sorelle. Il comunismo si è retto anche su inediti matrimoni fra le classi che l'immaginazione romantica teneva vivi nel pensiero della rivoluzione del XIX secolo.

Eppure anche nell'amore fra donne del romanzo contemporaneo ritornano le differenze sociali .

Le protagoniste lesbiche di 'Benzina' di Elena Stancanello (10) attraversano una vicenda gotica con molta ironia. L'amore invece di produrre ancoramenti e riuscite sociali, sfide sul campo delle pubbliche relazioni, incombe, come una maledizione nella quale l'autrice tenta di fare sopravvivere le classi sociali interpretate da una proletaria-assassina e da una borghese-ladra. Uno schema simile a Arsenico di Fiorella Cagnoni.(11).

La rivoluzione sessuale avvenuta nel XX secolo immette questi romanzi nel post-patriarcato e nella post-modernità. Le differenze di classe sopravvivono sullo sfondo matriarcale. Le donne hanno potere, a prescindere dalla classe sociale, ma è lei che offre la traccia per raccontare, in entrambi i romanzi, il desiderio sessuale e l'amore.
Foucault dice:

E' attraverso il sesso, punto immaginario fissato dal dispositivo di sessualità, che ciascuno deve passare per avere accesso alla propria intelligibilità…alla totalità del suo corpo…alla sua identità…siamo giunti oggi a chiedere la nostra intelligibilità a ciò che per tanti secoli, fu considerato come follia >>. Questa conoscenza <<è il miraggio in cui crediamo di riconoscerci>> (12).

Il dispositivo di sessualità è una costruzione simbolica eretta dal potere. E' il potere che decide la presa sui corpi, ne controlla le energie, le sensazioni e i piaceri compilandone contemporaneamente il discorso nella religione, nella psicoanalisi fra XIX e XX secolo.
Invece di essere il compagno inseparabile di istinti vivaci e irrefrenabili << Il sesso è al contrario l'elemento più speculativo, più ideale e anche più interno in un dispositivo di sessualità che il potere organizza.>> (13).

Nonostante che il filosofo abbia in mente l'egemonia dell'eterosessualità sul nostro tempo e la sua analisi sia pensata per il sesso maschile, svela verità sommerse.
Per esempio la convinzione che chi ha dimestichezza con le pratiche sessuali, acquisti l'orecchio speciale per raccogliere i messaggi dell'inconscio. Nel sesso c'è una promessa di conoscenza che attrae. E' un sapere che ha presa immediata sulla realtà, un potere di conoscere che esorbita ovviamente dalle vie più consuete.
Questa via breve ha una particolare efficacia sul sesso maschile. Il dispositivo sessuale è il punto di congiunzione di bisogni che tagliano trasversalmente le differenze sociali.