Donne e conoscenza storica
     

torna al sommario di L'eredità del Femminismo

torna a Fonte e principi di un nuovo diritto

pagine 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8.

La norma giuridica scritta nella Costituzione, nei codici, nelle leggi, se ci si spinge oltre l'apparenza è, in realtà, frammentata: si enuncia come regola generale astratta, mentre rappresenta la soluzione mediatrice di un conflitto d'interessi contrastanti che si esprimono nell'orizzonte monosessuato maschile.

A seconda dei mutevoli rapporti di forza fra gli interessi mediati, la medesima regola della mediazione (norma giuridica) si modifica al punto da esprimere contenuti diversi, talora perfino contrapposti.
La nostra pratica ci ha insegnato che questo fenomeno si verifica non solo negli ordinamenti di tipo anglosassone (Common Law), ai quali è connaturata la formazione processuale della regola, ma anche, nonostante l'apparenza di una codificazione normativa rigida, negli ordinamenti giuridici di tipo latino. Anche in questi la regola del diritto scritto è suscettibile di interpretazioni tanto difformi - in relazione ai casi della vita sottoposti a giudizio, quindi in relazione agli interessi mediati - da modificare, fino a capovolgerli, i contenuti della mediazione.

Se nel processo si modifica la regola giuridica che media gli interessi in conflitto, si può, come abbiamo già sottolineato, usare il processo come strumento di produzione di nuove regole di diritto. Inoltre, ed è la cosa politicamente in questione, noi pensiamo che questa pratica sociale sia la modalità più valida per produrre diritto femminile.

E' il processo, infatti, un momento istituzionale in cui le donne (avvocate, utenti, magistrate) sono soggetti della mediazione che si compie. Se esse si collegano in una relazione privilegiata, finalizzata a un progetto che ha una misura sociale e palesa i valori che esse vogliono affermati come loro propri nella società che le include, questi valori si contrappongono come un polo altro rispetto a quelli che hanno corso nel contesto sociale maschile.
Il processo registra il conflitto e il livello dello scontro, svela nell'urgenza della contrapposizione l'inesistenza di regole di mediazione fra i valori differenti di cui i due sessi sono portatori e, nel suo compiersi, esprime la mediazione possibile fra gli interessi sessuati confliggenti.

 

avanti