Donne e conoscenza storica
     

torna al sommario di L'eredità del Femminismo

torna a Fonte e principi di un nuovo diritto

pagine 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8.


Siamo arrivate alla conclusione che il problema per tutte, alla radice, è il medesimo: siamo inserite a pezzi nell'ordinamento giuridico. E possiamo essere tutelate dalla legge e usarla solo per quella parte che vede i nostri interessi coincidenti con quelli degli uomini. Dove, invece, si apre un conflitto fra uomo e donna, ad esempio nella famiglia o nel lavoro, percepiamo immediatamente che di tutela si trattava e per di più inadeguata, nonostante i vari aggiustamenti. La ragione è semplice: l'ordinamento giuridico esistente non prevede il conflitto fra i sessi e, quindi, non lo regola.

Per questo, come giuriste, siamo impedite all'innovazione teorica se non osiamo affrontare i principi fondamentali del diritto esistente. La legislazione emancipazionista, che non li mette in discussione, deve nascondere il fatto della grande incertezza femminile ad avvalersi della legislazione anche quando questa andrebbe a nostro vantaggio.

Ci siamo interrogate, dunque, sulla nostra impotenza e abbiamo cercato di lottare contro la legislazione emancipazionista non tanto per gli obiettivi che proponeva, sostanzialmente ragionevoli, ma perché ,colmava i vuoti dell'ordinamento riguardo alle donne, togliendo smalto e significato a quel non esserci per intero che per noi era la cosa più viva, e perché estendeva la regola data del diritto senza porre la necessità di un diritto originale delle donne.

Attualità del diritto femminile

Il gruppo delle giuriste di Milano, di cui facciamo parte, ha scelto il processo come luogo più concreto e rigoroso per capire che cosa vogliamo dalla legge e per disvelare l'apparentemente paradossale posizione femminile che avverte la conquista dei diritti di cittadinanza e parità come negazione della propria differenza sessuale e, quindi, non considera questi diritti come agibii in concreto.
La nostra intelligenza teorica si è svegliata solo quando abbiamo individuato la fonte del diritto femminile: i rapporti di scambio fra donne (per, nei processi, la relazione fra

avanti