Donne e conoscenza storica

 

 

ritorna al sommario

la querela delle donne

La 'grazia divina' luogo di enunciazione delle autrici

 

Margaret King, Le donne nel Rinascimento, L'istruzione superiore

Teresa da Cartagena

Scrisse nel trattato intitolato Admiraciòn Operum Dey:

<<Io con la mia semplicità ardisco dire che lo fece il Padre Celeste affinchè fosse di conservazione e aiuto l'uno all'altro. Poichè ciò che il Signore creò e fece sulla faccia della Terra tutto lo provvide e guarnì di meravigliose provviste e molto solidi guarnimenti. E se volete guardare bene le piante egli alberi vedrete come le cortecce di fuori sono molto resistenti e forti e patiscono le tempeste che fanno i tempi, le piogge, i geli, i calori e i freddi. Sono così configurate e fatte in tal modo che non sembrano che un castone fermo e resistente per conservare e aiutare il midollo che è rinchiuso dentro. E così per un tale ordine e modo va l'uno all'altro che la fortezza e resistenza delle cortecce custodiscono e conservano il midollo, patendo esteriormente le tempeste già dette. Il midollo così com'è morbido e delicato, stando rinchiuso opera interiormente, dà virtù e vigore alle cortecce e così l'uno con l'altro si conserva e aiuta e ci dà ogni anno la diversità o compiutezza della frutta che vedi. E per questa stessa ragione credo che quel sovrano e poderoso Signore volle e vuole operare nella natura umana questi due contrari, conviene sapere: lo stato maschile, forte e valoroso e quello femmineo, morbido e delicato>>

Teresa appartenne a una illustre famiglia di giudei convertiti del regno di Castiglia; visse nel secolo XV, fu figlia di Pedro de Cartagena e nipote di Pablo de Santa Maria, un rabbino che diventò vescovo di Burgos alla fine del secolo XIV. Nella sua prima opera conosciuta l'Arboleda de los enfermos, racconta di avere studiato pochi anni all'Università di Salamanca, che era stata una giovane ambiziosa e peccatrice, che visse in un ordine religioso non specificato nel manoscritto e che aveva scritto questo libro - confessione dopo venti anni di sordità, un'infermità che, impedendole di parlare con la gente, aveva cambiato radicalmente la sua vita.