Donne e conoscenza storica  

 

Storia delle donne fra Umanesimo e Rinascimento

commento

torna: Madre e figlio

La famiglia e le donne nel Rinascimento a Firenze,

Rinascimento al femminile

Bibliografia

 

 

 

 

 

 

F. Bruni incisione: indica la pila che accoglieva i bambini
Ospedale degli Innocenti
Firenze

 

 

 


Nei primi secoli dell'età moderna molti bambini morivano per "soffocamento da schiacciamento" e così spesso che si pensò a morti volute. Infatti i predicatori minacciavano dal pulpito i seguaci e esaminavano le coscienze dei mariti in confessionale.
L'infanticidio si ritrova in sentenze verso le donne e nelle punizioni nel Medioevo per le donne che avevano avuto figli illegalmente o accusate di fornicazione. In alcuni casi però le sentenze per infanticidio sono molto miti. L'aborto era stato condannato da Cherubino da Siena.
Erano comunque le donne responsabili della maggior parte degli infanticidi <<e furono condannate con frequenza crescente nel Rinascimento. La furia contro le infanticide si richiama, ed è legata, alla contemporanea 'caccia alle streghe'.
L'uccisione dei bambini era, dopo la stregoneria, la causa principale di sentenze capitali per le donne del Rinascimento... la vittima più probabile della follia contro le streghe era la donna anziana (mentre era la madre nubile la sospetta più probabile di infanticidio).

<< Le donne accusate di uno di questi due reati erano considerate responsabili di fronte alla legge. Altrimenti, nei codici penali di quasi tutte le nazioni, <<le donne non esistevano>>: altri crimini da loro commessi sarebbero ricaduti ancora per molti secoli sotto la responsabilità legale di padri e mariti. Il fatto che le donne fossero perseguibili in simili casi, perciò, segna perversamente l'emergere del soggetto femminile come criminale e come individuo legalmente responsabile>> (pag.13)
Più spesso le madri nella miseria abbandonavano i figli agli angoli delle strade, sul sagrato o sulla soglia delle case dei ricchi, a volte morivano questi bambini ma più spesso venivano "trovati" per diventare schiavi, servitori o prostitute, o figli adottivi.
Questa situazione spiega la piccola dimensione della famiglia povera e l'ampiezza della famiglia ricca, così come la vasta popolazione servile formata in gran parte da giovanissimi.
C'erano gli orfanatrofi come il celebre Ospedale degli Innocenti di Firenze aperto nel 1445 a raccogliere la prole abbandonata che, collocata nelle famiglie a servizio, sarebbe stata allevata e, le donne, a volte in cambio del nutrimento.

Molti bambini e più spesso le bambine morivano durante l'allattamento. Solamente chi nasceva in una famiglia molto altolocata aveva la balia in casa. Questo servizio era infatti molto costoso. Fra tutti i salari della servitù i più alti erano quelli delle balie con una disparità notevole di denaro. Quindi la maggior parte delle ricche famiglie cittadine mandava la prole in campagna a vivere. Questi piccoli esseri crescevano in un periodo di tre e anche più anni, curati nella famiglia della balia: prima allattati, poi svezzati e nutriti. Molte di queste creature non sopravvivevano