Donne e conoscenza storica
         

torna:

Cristina Trivulzio e la rivoluzione del '48

Chi era Cristina Trivulzio di Belgioioso?

Appendici:

La rivoluzione del 1848 in Italia

A Venezia
A Milano
A Roma

La rivoluzione del 1848 in Europa

Il saggio sulla Rivoluzione Italiana del 1848

Strumenti

Appendice

Le rivoluzioni in Italia

 

Le correnti ideologiche
La cronologia

 

 

Le correnti ideologiche

TENDENZA DEMOCRATICA-REPUBBLICANA-UNITARIA.
Mazzini ne fu l’animatore. Il suo programma mirava a realizzare l’Italia “una, indipendente, libera e repubblicana”.
Tale obiettivo andava perseguito attraverso la rivoluzione nazionale, la partecipazione delle masse popolari e la solidarietà tra le clasi sociali.
Mazzini propose come nuovo strumento operativo la “Giovine Italia”
TENDENZA DEMOCRATICA-REPUBBLICANA-FEDERALISTA
Cattaneo, liberale, e Ferrari, socialista, si fecero sostenitori, seguendo il federalismo, della conservazione dei costumi, valori e libertà delle diverse etnie regionali che sarebbero andate a formare lo Stato Italiano.
L'Italia sarebbe divenuta una federazione di repubbliche fondate sulla sovranità popolare e sull'uguaglianza sociale.
TENDENZA MODERATA NEOGUELFA
Ispiratore di questa tendenza fu Vincenzo Gioberti che nel "Primato morale e civile degli Italiani" propose di mettere il Papa a capo di una Confederazione di stati italiani
TENDENZA MODERATA NEOGHIBELLINA
Tale tendenza, seguita anche da personaggi illustri, ebbe scarso rilievo, promotore fu Cesare Balbo autore de "Le speranze d'Italia" in cui prospettava una federazione di stati guidati dalla monarchia sabauda
TENDENZA MODERATA CATTOLICO LIBERALE
Ne facevano parte tutti coloro che volevano riforme e non rivoluzioni
Questo orientamento mirava a evitare il sollevamento popolare, e ad affrontare il problema dell'unificazione sul terreno della persuasione e dell'educazione.
Era quindi necessario informare l’opinione pubblica del problema risorgimentale. Chi si dimostrò capace di realizzare tale progetto fu Cavour, che riuscì a sfruttare i favorevoli intrecci politici internazionali.
Volendo semplificare tutte le varie posizioni si possono ricondurre a due filoni principali:


A) quello democratico-rivoluzionario (mazziniani, neoghibellini,federalisti-repubblicani) costituente la sinistra risorgimentale.
B) quello moderato-riformista (neoguelfi, filosabaudi) costituente la destra.
(torna su)

 

 


Cronologia del 1848 in Italia


Gennaio-Marzo concessione delle costituzioni nel regno di Napoli, in Toscana, in Piemonte e nello Stato pontificio.
17-22 Marzo il Parlamento siciliano proclama l'indipendenza dell'isola.
18-23 Marzo sollevazione popolare a Venezia e proclamazione della Repubblica di San Marco.
20-21 Marzo "Cinque giornate" di Milano.
23 Marzo sollevazioni popolari nei ducati di Modena e di Parma.
26 Marzo Carlo Alberto dichiara guerra all'Austria: inizia la prima guerra d'indipendenza.
Aprile Carlo Alberto entra in Milano.
8 Aprile volontari e truppe inviate dai sovrani italiani si uniscono all'esercito piemontese.
13 Aprile prima vittoria piemontese a Goito.
29 Aprile "Allocuzione" di Pio IX e ritiro delle truppe pontificie.
30 Aprile vittoria piemontese a Pastrengo.
Maggio il re Ferdinando e il granduca Leopoldo ritirano le proprie truppe dal fronte.
15 Maggio Colpo di Stato di Ferdinando a Napoli.
29 Maggio battaglia di Curtatone e Montanara.
30 Maggio nuova vittoria piemontese a Goito e caduta della fortezza di Peschiera.
8 Giugno la Lombardia vota l'annessione al Piemonte.
10 Giugno la riconquista di Vicenza segna l'inizio del contrattacco austriaco.
23-25 Luglio sconfitta dei piemontesi a Custoza.
6 Agosto gli austriaci rientrano a Milano, abbandonata da Carlo Alberto.
9 Agosto Armistizio di Salasco.
Settembre le truppe napoletane iniziano la riconquista della Sicilia.
28 Ottobre a Firenze si forma un nuovo governo presieduto da G. Montanelli.
15-16 Novembre a Roma è assassinato P. Rossi; Pio IX è costretto a chiamare al governo i democratici.
24 Novembre Pio IX abbandona Roma e si rifugia a Gaeta.
(torna su)