Donne e conoscenza storica
         

torna:

Cristina Trivulzio e la rivoluzione del '48

Chi era Cristina Trivulzio di Belgioioso?

Chi era Cristina Trivulzio di Belgioioso?

L' infanzia e l' adolescenza

Bambola da salotto o anticonformista?

Un' aristocratica stravagante o una progressista?

Un topo di biblioteca o una intellettuale?

Una eroina romantica o una rivoluzionaria?

Una donna enigmatica o vittima di maldicenze?

Le sue idee politiche

Cronologia della biografia

La rivoluzione del 1848 in Italia

La rivoluzione del 1848 in Europa

Il saggio sulla Rivoluzione Italiana del 1848

Strumenti

 

L' infanzia e l' adolescenza

La Principessa Cristina ricorda così il trascorrere della sua infanzia infelice: "Ero una bambina malinconica, seria, chiusa, quieta... talmente timida che spesso mi capitava di scoppiare in singhiozzi nel salotto di mia madre perchè temevo che qualcuno mi guardasse o cercasse di farmi parlare... Mi credevo decisamente brutta... Dopo la nascita di mio fratello fui data a lui: dovevo farlo giocare e senza lamentarmi passavo le mie ore di svago a spingere la sua carrozzina... Non ho mai avuto la compagnia di altre bambine".

Era nata il 28 giugno 1808 da una famiglia dell'alta aristocrazia milanese. A quattro anni aveva perso il padre, e la madre, "dopo un breve anno di vedovanza" si era sposata con il marchese Alessandro Visconti d'Aragona. Il patrigno venne arrestato e imprigionato in seguito alla cospirazione anti-austriaca del '21, così la piccola Cristina venne subito a conoscenza delle tensioni politiche di quel periodo.

Ricevette un'istruzione molto accurata, ma che si rivelò in seguito superficiale; le donne, come avrebbe notato in seguito, erano state allontanate, per volontà dell'uomo, da ogni studio e dalla partecipazione agli affari della società rimanendo così confinate tra le mura delle loro case.

Si sposò a sedici anni con il Principe Emilio Barbiano di Belgioioso d'Este, ma si separarono dopo soli quattro anni.

disegno: Emilio Belgioioso e Cristina Trivulzio

Dieci anni più tardi, dopo un breve periodo di riconciliazione, la coppia ebbe una bambina a cui fu dato il nome Maria.