Donne e conoscenza storica
         

torna:

Cristina Trivulzio e la rivoluzione del '48

Chi era Cristina Trivulzio di Belgioioso?

 

Opera riformatrice

Lei non si lascia intimorire dalle pesanti critiche e introduce innovazioni nel campo:

dell'istruzione
dell'amministrazione pubblica
dell'assistenza sociale
dell'occupazione
dell'arredo urbano

Appendici:

La rivoluzione del 1848 in Italia

A Venezia
A Milano
A Roma

La rivoluzione del 1848 in Europa

Il saggio sulla Rivoluzione Italiana del 1848

Strumenti

Assistenza sociale
La Principessa non si preoccupa solo dell'istruzione dei suoi contadini, ma anche, della loro salute e del loro ambiente di vita. Così, alle istituzione mirate ad allevare le giovani generazioni decide di aggiungerne altre finalizzate a fornire soccorsi .e benessere alle famiglie:


· Il pubblico scaldatoio.

Nell'inverno del 1845, adibisce una grande sala bene illuminata e riscaldata, collocata al piano terreno del suo palazzo, destinata a scaldatoio pubblico, in esso accedono, giorno e sera, trecento contadini.
· La cucina economica per la distribuzione delle minestre, a mezzogiorno e alla sera, dietro pagamento di un decimo del costo. Un pagamento simbolico, ritenuto però utile dalla Principessa per vincere la pigrizia e la mendicità. Scopo di quest'ultima istituzione è quello di fornire alla popolazione un pasto bilanciato e nutriente - minestre di riso o pasta con legumi e verdure - ad un prezzo irrisorio, solo dodici centesimi. Il pagamento delle minestre può essere effettuato anche eseguendo lavori. di cucito e di tessitura per i quali Cristina Trivulzio fornisce le materie prime.

· La somministrazione gratuita dei medicinali, l'assistenza degli ammalati che essa stessa talvolta visita e cura e, per coloro che hanno bisogno di cure speciali, dispone anche di un'apposita camera nella sua casa. Provvede inoltre alla dote delle spose ed a fornire un vestito in dono alle ragazze più povere.