Donne e conoscenza storica
       

Storie di donne, memorie e Internet

di Attilia Cozzaglio

L'archivio femminile per fare ripartire la storia

Gli archivi di storia delle donne in lingua italiana
di Donatella Massara

Profili di donne
(a cura di Marina Santini)

 

 

PIERA ZUMAGLINO

 

 



Piera Zumaglino nasce a Cortemilia (Cn) il 17 dicembre 1942. Compie i suoi studi a Torino, dove consegue la laurea in lingue e letterature straniere presso la facoltà di Magistero, con una tesi su "Re Lear" di Shakespeare. Scrittrice e giornalista, nella giovinezza collabora al quotidiano "La Gazzetta del Popolo" e al periodico "Il Nostro Tempo".
I suoi interessi culturali sono, accanto alla storia, sua principale passione, l'antropologia, la sociologia, la psicologia, la letteratura (dalle tragedie classiche, ai gialli, alla fantascienza, ma anche Topolino e Tex Willer). Agli inizi degli anni Settanta comincia a frequentare i gruppi del femminismo radicale (in particolare Alternativa femminista). Da allora fino alla sua scomparsa (4 gennaio 1994) Piera prosegue instancabilmente la sua attività all'interno del movimento femminista fino a divenire una figura centrale per il movimento stesso. Contemporaneamente, grazie alla sua particolare sensibilità e attenzione per la storia, si adopera costantemente per conservare la grande quantità di documenti che il movimento va producendo. Il Fondo Piera Zumaglino è il frutto di questa preziosa opera di conservazione, che Piera ha lasciato simbolicamente in eredità a tutte le donne.

Piera Zumaglino fotografia di Flavia Di Bartolo scattata nel maggio 1993