Donne e conoscenza storica

torna a:

When the night is falling (Quando cade la notte)
di Patricia Rozema

In questo sito:

L'altra metà dell'amore
di Lea Pool

La repetition
di Cristine Corsini

Ipertesto:
Storia del cinema lesbico fra gli anni '20 e '30


Un' intervista con Patricia Rozema

di Regine Schmid, gennaio 1995
traduzione in italiano di Mara Montesano


Vorrei cominciare con una domanda sul titolo. E' una citazione ripresa da Bergman, vero?

In un certo senso. Avevo questa citazione sul muro dopo che era comparso nelle sale Fanny and Alexander Quando ho cercato il titolo per questo film anni dopo, non pensavo a nessuna citazione. Poi, proprio prima di girare, mi capitò di trovare la citazione nei miei "file", e mi accorsi che l'avevo fatta mia senza pensarci.



Volevi stabilire una connessione tra conflitti di archetipi e personaggi e cercare di trasferirli nel film o pensavi ad una storia che solo incidentalmente conteneva gli archetipi della mitologia classica?

Penso che tutti noi abbiamo bisogno di progettare le nostre piccole vite terrene in un sistema di fede più ampio.Quello in cui sono cresciuta per me non funziona più. Mi annoia. Così perché non venir fuori con una mitologia propria, pensavo, perché non scegliere quella greca o romana? Perché non attribuire ad una semplice love story
La grandezza di altri miti? Così ho investito una semplice storia d'amore della gloria altissima di Cupido e Psiche. Nel mito, Cupido si innamora di Psiche e la rapisce dal suo palazzo. Nella mia storia è attratta nel mondo di Cupido etc. Oh, certo, ho sferzato uno dei generi - per la verità senza colpa.

Come il tuo film caratterizza la fede?

Tutti quelli che si schierano con qualche tipo di scuola di pensiero o credo finiscono con l'essere dipendente e hanno una terribile e straziante difficoltà a liberarsi. Poiché la loro vita intera, i loro mezzi di sussistenza e tutte le loro passate conquiste sono legate a quella fede. Se è Marxismo o Cristianesimo o qualsiasi altra cosa, non importa.

Sono affascinata; penso che potresti chiamarlo "la politica della fede".

Tutte le forme di fede diventano economiche dopo un po' perché ognuna affida la propria vita ad esse. Quindi, nel film, interpreto il coinvolgimento religioso di Camille e Martin in una forma molto legata alla carriera.

Ho una domanda sulle scene d'amore; sono molto erotiche in entrambe "le configurazioni ". Pensi che può essere una questione del tutto controversa?

Chissà! Penso che ci siano tantissime donne, probabilmente più degli uomini, che sono in grado di amare sia uomini che donne. E' solo carnalità, e se si è relativamente ben equilibrate si può impegnare la propria mente in qualsiasi cosa.
Ho avuto un'assistente di regia che era più o meno una militante lesbica, e era del tutto contraria alla scena di amore eterosessuale.

Ed è abbastanza irruente.

Si, desideravo che fosse calda e sexy. Stavano entrambi eccitandosi, entrambi in relazione fisicamente. Camille ha un grande desiderio, è chiaramente una il cui corpo è molto vitale. Era importante per me rispettare l'amore e il sesso che la maggior parte della gente conosce e di cui ha bisogno e capisce, l'amore tra un uomo e una donna.

Ma è anche vero che Camille è in uno stato d'animo alterato soprattutto perché stava cominciando con Petra. Così ella sposta il suo nuovo desiderio - il mattino dopo Martin dice "Nonostante tutto mi piace questa nuova che sei. Capiamo che questo stato emotivo non è chiaramente il modo in cui è normalmente con lui. Ma questo è letteralmente un fenomeno psichico/sessuale comune; che una persona ti ecciti e te lo giochi con un'altra. E' triste, e vero e forse persino bello.

Il tuo stile è stato spesso descritto come una specie di realismo magico.

Non credo che il termine sia appropriato, perché Mermaids non ha niente di magico. Rappresenta una che ha dei sogni. White Room entra solo nell'immaginazione del personaggio. E in questo, non accade niente che rompe le leggi della scienza, persino la fine reale è possibile, apertamente, è non altro che possibile. Forse ho una limitata comprensione del termine.

Ci sono cose che puoi fare in un film come questo e che non puoi fare in una love story eterosessuale?

Penso di sentire la libertà di essere più sentimentale. Nell' attuale politica di relazione, è difficile presentare una donna ossessivamente innamorata di un uomo, eccitarsi solo perché è con lui. Le donne sono terrorizzate di ridursi ad essere la ragazza di un tipo o come un pet o una domestica sessuale. Vorrei che tutte le donne intelligenti puntassero il dito e dicessero, " Non farei mai questo per un uomo": E gli uomini sono terrificati dal sembrare vili e dipendenti dalle donne. O se sono troppo aggressivi può sembrare una molestia sessuale. Quindi le love story, se ci sono, finiscono col sembrare delle negoziazioni. Sono tempi confusi per gli uomini e le donne. I vecchi modelli non funzionano più.