Donne e conoscenza storica
       

torna al sommario

vai alla seconda parte dell'articolo

Storia del cinema lesbico negli anni '20 e '30

Christa Winsloe

 

 

Stralci di:

Christa Winsloe e Maedchen in Uniform
di Sabine Tenta

L'articolo è stato pubblicato sulla rivista lesbica tedesca lespress, 3, 1998.Lettura dal tedesco di Traudel Sattler
L'articolo è precedente alla ristampa del romanzo Maedchen in uniform pubblicato in Germania nel 1999.


<<La frase centrale di Maedchen in Uniform è la dichiarazione d'amore di Manuela alla sua insegnante <<La nostra amata, la nostra santa e meravigliosa signorina von Bernburg, nostra vita>>. E' la scena chiave del film. Questa versione di Maedchen in Uniform è del 1931, molto più bella delle altre a essa successive.
L'autrice della sceneggiatura di questo celebre film lesbico è Christa Winsloe, ancora poco conosciuta.
Dopo il film Christa Winsloe scrive il libro ed è stato un best seller.
Altrettanto interessante è la biografia di Christa Winsloe. Nasce il 23.12.1888. Era figlia di un ufficiale. Dopo la morte precoce della madre, come Manuela la protagonista del film, Christa era stata mandata in un collegio a Postdam. Lo scopo del convitto era educare le donne a diventare mogli di soldati e madri. E' educata anche in un collegio svizzero. In seguito va a Monaco dove sceglie una strada insolita: una Scuola di Arti applicate con indirizzo alla scultura.
Quattro anni dopo sposa un barone ungherese, fabbricante di zucchero. Il matrimonio non dura e Christa torna in Germania. Lavora come scultrice di animali e fa la scrittrice, già durante il suo matrimonio aveva scritto un romanzo non pubblicato 'La pecora nera'.
Scrive una novella 'Uomini che tornano a casa' su un fatto di stupro accaduto a una donna.
Pubblica su varie riviste e ha abbastanza fama per aprirsi le porte di Berlino e incontrare altre scultrici.
Scrisse drammi per il teatro, una consuetudine non femminile. A Lipsia nel 1930 viene rappresentato Der Ritter Nerestan (Il Cavaliere Nerestan è anche conosciuta come Ieri e Oggi (Gestern und Heute) opera teatrale rappresentata con questo titolo, a Berlino, dalla stessa regista del film, Leontine Sagan). E' da lì che nasce il romanzo (successivo) La ragazza Manuela e il film, Maedchen in Uniform.

Christa Winsloe scrive per il teatro altri pezzi, fino al 1943, anno precedente alla sua morte.

Nel 1933 comincia una storia d'amore con Dorothy Thompson. La giornalista aveva intervistato Hitler nel 1930, e, fra le prime in USA, messo in guardia sulla pericolosità del personaggio, ma nessuno aveva accolto il suo discorso in patria anzi era stata ridicolizzata.
Christa Winsloe la segue negli USA dove però non riesce ad affermarsi (Hollywood non aveva nessun interesse per le sue sceneggiature). La relazione finisce perché la Thompson fa una scelta eterosessuale.
Christa torna in Europa nel 1935. Il romanzo Passeggera è l'elaborazione della sua esperienza di viaggio. A Londra pubblica direttamente in lingua inglese La vita comincia sulla rinascita esistenziale di una scultrice lesbica. In questo produttivo periodo scrive anche un romanzo inedito Die halbe Geige (Il mezzo violino) dedicato all'emancipazione omosessuale.

segue