Donne e conoscenza storica
       

torna al sommario

La regia femminile nel cinema lesbico

Maedchen in Uniform di Leontine Sagan e Christa Winsloe


Storia del cinema lesbico negli anni '20 e '30

Le grandi attrici dirigono lo sguardo

Katherine Hepburn

 

 

Borderline

Greta Garbo

Marlene Dietrich

Katherine Hepburn

 

 

Katherine Hepburn assume su di sè molte caratteristiche estetiche della donna androgina e in alcuni film propone un personaggio di donna emancipata e anticonformista. In Sylvia Scarlet (Un diavolo chiamato femmina) di George Cukor del 1935 la incontriamo in abiti maschili all'interno di una commedia degli equivoci prestata a un sotto testo lesbico.