Donne e conoscenza storica
    

Immagine-storia

 

 

 

 

 

La moglie di Einstein

Autrice e produttrice: Geraldine Hilton, Regia: Nicola Woolmington, Produzione: ABC, Australia, 2004, 55 '


E se la prima signora Einstein fosse stata davvero un genio al pari del marito?
Nel documentario della ABC dedicato a Mileva Maric (Zagabria, 1875-1948), moglie del fisico di Ulm per sedici anni, l'icona di un Einstein mite e ironico rischia davvero di entrare in crisi. Da personaggio in prossimità della santificazione mediatica, Einstein (1879-1955) appare come ingrato debitore dal punto di vista scientifico alla moglie e marito egoista.
Ma le cose non furono sempre così. La storia d'amore tra Mileva e Albert sembrò esordire come "l'affaire" del secolo: "Sono così fortunato ad averti trovata, una creatura che è come me, forte e indipendente come lo sono io", le scriveva il giovane Albert.
Di sicuro Mileva fu una donna altamente motivata, determinata a eccellere in un campo - quello della fisica - in quel tempo pressoché precluso al genere femminile.
Di origine serba, la giovane aveva incontrato il marito quando ancora studenti frequentavano il Politecnico di Zurigo. Osteggiati dalla famiglia di lui, ebbero una figlia fuori dal matrimonio. Fu un grande scandalo: la bimba venne allontanata dalla madre e data in adozione, provocando in Mileva un grandissimo dolore.
Sposi nel 1903, la passione iniziale di Albert e Mileva si incrinò col passare degli anni e nel 1909 la rottura era già definitiva. Per il divorzio, avvenuto nel 1919, Mileva ottenne dal marito che la ricompensa monetaria di un eventuale premio Nobel sarebbe stata devoluta interamente a lei e ai due figli nati durante il matrimonio, il più piccolo dei quali schizofrenico.
E' questo il primo indizio per i difensori di Mileva: i soldi non furono che un riconoscimento ufficioso del suo fondamentale contributo alla carriera del marito.
Il figlio maggiore, Hans Albert, testimoniò come i genitori lavorassero sempre insieme allo stesso tavolo. Invece John Stachel, professore di fisica a Boston, rifiuta completamente l'ipotesi che la teoria della relatività einsteiniana sarebbe in realtà una relatività maric-einsteiniana. Dal canto loro, i sostenitori di Mileva, prima fra tutti la ricercatrice Senta Troemel-Ploetz, non intendono arrestarsi nella riabilitazione della sfortunata moglie di Einstein, che si sobbarcò l'assistenza dei figli da sola, fino alla morte.


Il filmato fa parte della rassegna "Sguardi sulle donne di scienza", emanazione della mostra di film e documentari scientifici "Vedere la Scienza", organizzata dal Centro Interuniversitario per la Diffusione della Cultura Scientifica e Tecnologica dell'Università di Milano.
Informazioni: infosguardi@fastwebnet.it.; http://www.brera.unimi.it/film/