Il mobility manager

http://www.fta.dot.gov/library/technology/APTS/update/CHAP5.HTM

Combattere lo smog, ridurre i consumi di energia e tagliare le emissioni inquinanti, in particolare gas serra come la CO2, rispettare gli impegni presi al vertice mondiale sul clima di Kyoto: questi sono alcuni tra gli obiettivi del decreto sulla mobilità urbana, il cosiddetto pacchetto Ronchi.
Il decreto prevede che nelle aziende locali con oltre 300 addetti e nelle imprese con più di 800 impiegati sia presente il mobility manager, un tecnico che avrà il compito di ottimizzare gli spostamenti casa/lavoro del personale dipendente per arrivare alla riduzione dell'uso del mezzo di trasporto privato, incentivando l'uso di un mezzo comune a più persone, dei mezzi pubblici, dei bus aziendali, di biciclette.
L'idea di agire in questa direzione appare molto opportuna guardando nelle ore di punta lunghe colonne di macchine con una sola persona a bordo, e valutando cosa sarebbe se il traffico automobilistico fosse ridotto di tre quarti, anche solo facendo viaggiare automobili a pieno carico.
Ma questa nuova figura professionale, peraltro auspicabile anche in aziende più piccole o in consorzi di aziende limitrofe, che tipo di strumenti può avere a disposizione?
Il sito che vi proponiamo del Federal Transit Administration, del Dipartimento americano dei trasporti, presenta tecnologie e progetti che favoriscono l'ottimizzazione dei trasporti.
E' una documentazione di base per manager che vogliono proporsi per questo nuovo ruolo professionale, peraltro istituito nel gennaio 1999 dalla Provincia di Milano per i suoi 3.000 dipendenti.