Fotografia e danza

 

 

 

Speciali "Life"

Il Bolshoi
http://www.pathfinder.com/Life/essay/bolshoi/bolshoi01.html

Splendide immagini degli artisti del Bolshoi
per questo servizio di "Life" firmato
da Joe McNally (foto) e Charles Hirshberg (testi).
Il pretesto è dato dalla mancata tournée inizialmente prevista per il 1997 negli Usa e quindi, in un certo senso, per ripagare almeno in parte gli americani di quello che hanno perso.
Attraverso una ventina di pagine di costruzione pulita e lineare, si ripercorrono a grandi linee le tappe principali della gloriosa compagnia, dal 1776, anno della fondazione, al successo mondiale del Lago dei Cigni di Tchaikovski, circa un secolo dopo, fino alle difficoltà che si trova ad affrontare nella precaria situazione economica della Russia d'oggi, con lo storico teatro in via di ristrutturazione e gli stipendi dei ballerini che si aggirano intorno ai 400 $ al mese.

Paloma Herrera
http://www.pathfinder.com/Life/essay/paloma/paloma.html

Il secondo servizio di "Life" è dedicato alla giovane ballerina dell'American Ballet Theatre. Le foto sono sempre di Joe McNally e i testi di Sasha Nyary. Di orgine argentina, Paloma debuttò giovanissima in Theme and Variations di Balanchine e a soli vent'anni era già prima ballerina. Qui potrete vederla ritratta con la famiglia, nel camerino e sulla scena di Giulietta e Romeo (1995), insieme a Keith Roberts e leggere una conversazione con il pubblico, moderata dal critico John Gruen.
Brevi schede informative, a cura dell'American Ballet Theatre, completano l'ipertesto con notizie sui balletti citati.

American Ballet Theatre di New York

http://www.abt.org

Tra gli archivi presenti in rete, segnaliamo quello dell'American Ballet Theatre di New York, che raccoglie un gran numero di immagini di altissimo livello. Gli autori delle foto contenute nelle prime due sezioni, Rosalie O'Connor e Chris Martin, fanno parte del corpo di ballo e presentano rispettivamente una selezione di foto accompagnate da alcuni commenti dell'autrice e un diario fotografico. La terza sezione, "Moments in Time", è una vera e propria storia del Teatro attraverso i suoi protagonisti e i momenti più significativi, corredata da un'introduzione e da brevi didascalie esplicative. L'ultima, infine, presenta le opere del fotografo Roy Round.

Le coreografie di Christensen
http://www.hooked.net/~cchris/christensen.html

Una biografia ipertestuale dedicata al ballerino e coreografo americano Lew Christensen. Dalle prime esperienze degli anni 20 con il fratello William nei circuiti del vaudeville alla collaborazione con Balanchine, fino al successo internazionale delle sue coreografie, ultima Vivaldi, Concerto Grosso, creata per il San Francisco Ballet nel 1981, tre anni prima della morte. I link nel testo rimandano ai singoli balletti, corredati da foto in bianco e nero e a colori. Per ora sono state realizzate le pagine relative a sette opere, ma altre sono in preparazione. Nella pagina d'ingresso del sito sono riportati gli ultimi allestimenti, aggiornati al 1999, e alcuni link di approfondimento.

The Beauty of Modern Dance
http://www.duke.edu/~saundra/index.html

"The Beauty of Modern Dance" è una rassegna di foto in bianco e nero di Jay Anderson, dall'American Dance Festival, Duke University, Durham, North Carolina, che attraversa oltre cinquant'anni di storia della danza. Tra la quarantina di immagini proposte, coreografie di Martha Graham del 1947, di José Limon del 1949; tra le più recenti, coreografie degli anni 80 e 90 dell'americana Trisha Brown, del russo Leonid Lebedev, del cinese Jing Xing.

 
indietro