La storia - Italia

Un buon sito italiano sulla storia della fotografia è quello del gruppo "Ricerca Immagine" di Brescia. La parte sul dagherrotipo, con testi di Gabriele Chiesa, contiene alcune immagini dei primi esemplari, un'illustrazione del procedimento e qualche istruzione sulla conservazione e manutenzione. Oltre al dagherrotipo, che ha per supporto una sottile lastra di rame argentato, esistevano altre tecniche, quali la calotipia, l'ambrotipia, la ferrotipia, che vengono adeguatamente spiegate.

"Foto d'epoca" è un altro sito sugli inizi della fotografia. Dopo una breve carrellata storica, dedica altre sezioni alla macchina fotografica e ai suoi componenti, all'evoluzione della pellicola, dei flash, e allo sviluppo e alla stampa.

Anche il sito di Gulliver, "Bianco e Nero" ha una bella sezione dedicata alla storia della fotografia, in cui si trovano immagini delle prime eliografie di Niépce e alcune curiosità, come un articolo di Wladimiro Settimelli, riportato integralmente da una vecchia rivista. Il titolo è "L'inventore della fotografia" e vi si racconta la storia di Niépce.

Gli archivi

Ci sono poi gli archivi storici. Uno dei più importanti a livello internazionale è quello dei Fratelli Alinari, che conserva oltre 1.500.000 foto in bianco e nero e a colori, a partire dalla metà dell''800, e organizza mostre ed esposizioni. Il sito Internet dà la possibilità di richiedere e acquistare le stampe fotografiche di tutti i negativi contenuti negli Archivi, oltre a immagini storiche e artistiche dei maggiori Archivi fotografici di Francia e Germania, di cui Alinari è concessionario per l'Italia.

L'Archivio Comunale di Roma, a partire da un patrimonio costituitosi negli anni Trenta e arricchito da successive donazioni, conserva immagini interessanti sia per la storia urbanistica della città che per l'evoluzione della tecnica fotografia. I primi dagherrotipi risalgono alla metà dell''800 e alcuni esemplari si possono vedere ingranditi.

America

Il sito forse più completo sulla storia del dagherrotipo è quello della Daguerreian Society. Nella parte storica rirproduce documenti tratti dalla stampa dell'epoca; nella Galleria presenta una ricca selezione di esemplari dalle maggiori collezioni americane ed europee.

Altre immagini di dagherrotipi americani si possono vedere nel sito dell'American Photography Museum.

Un altro sito interessante è quello della Società Storica del Connecticut. Alla pagina cui rimandiamo si trova la presentazione di una mostra che si svolgerà a partire dal maggio del 2000, sulla vita e il lavoro del primo fotografo afroamericano che ebbe uno dei più importanti studi di ritratti ad Hartford: "Durable Memento: Portraits by Augustus Washington, African American Daguerreotypist".

 

Libri

Quattro immagini del libro "Street Life of London" (1877 ca.) si trovano negli archivi fotografici del Dickens Project dell'Università della California, in collaborazione con la BBC.

Adam Matthew Publications è una casa editrice che mette a disposizione degli studiosi manoscritti originali e libri rari in formato elettronico. Tra i suoi titoli, ordinabili online, PHOTOGRAPHY AS ART AND SOCIAL HISTORY Part 1: The Francis Bedford Topographical Photographs from Birmingham Central Library, una collezione di oltre 3000 foto del paesaggista inglese Francis Bedford (1816-1894). La presentazione del libro riporta un lungo articolo di Bedford, la prefazione di Phillip N. Allen su di lui e sulla fotografia nell'Inghilterra Vittoriana, e una cronologia dell'evoluzione della fotografia durante quegli anni.


Foto stereoscopiche

A proposito delle cartoline steroscopiche si veda il bellissimo sito di Jim Zwick, Stereoscopic Visions of War and Impere, di cui abbiamo già parlato in un altro articolo ora nell'archivio 1999 di erewhon, sezione Narrare: "Un esempio stimolante".