VII - L'ultima sfida del fotogiornalismo

 

 

 

 



Una foto di Nachtwey scattata da Eugene Pierce, 1999 nel sito Photo District News.
Nello stesso sito un video-clip con un'intervista di Marcel Sabato.

James Nachtwey

Nato nel 1948 a Syracuse, nello stato di New York, è il veterano del gruppo ed è considerato da molti il vero erede di Robert
Capa. Viene da un lungo periodo nell'agenzia Magnum. Molti dei suoi reportages in Romania, Somalia, India, Sudan, Bosnia, Rwanda, Zaire, Chechnya e Kosovo sono raccolti nel libro Inferno, uscito nel 2000

 

 


Biografia e portfolio nel sito della Magnum:
http://www.magnumphotos.com/Nachtwey.html

Una presentazione del libro Inferno, con una selezione di foto (Portfolio) e un'intervista all'autore in Salon Magazine:
http://www.salon.com/people/feature/2000/04/10/inferno/

Un'intervista a proposito del libro Inferno con Elizabeth Farnsworth, maggio 2000:
http://www.pbs.org/newshour/gergen/jan-june00/nachtwey_5-16.html

Nel sito Newseum, nella sezione dedicata ai fotogiornalisti di guerra, in due brevi spezzoni di filmato, Nachtwey parla della sua esperienza ad Haiti e del suo punto di vista sul lavoro di un fotografo che riprende immagini violente e drammatiche quali carestie, guerre, genocidi:
http://www.newseum.org/warstories/interviews/wmv/journalists/bio.asp?ID=40

Una presentazione della mostra "L'occhio testimone", al Palazzo delle Esposizioni di Roma nella primavera del 2001:
http://www.palaexpo.com/schede/nachtwey.htm

International Center of Photography, "L'occhio testimone"
http://www.icp.org/exhibitions/nachtwey/

Da Time, "Caught Crossing", un servizio sui messicani che tentano di introdursi illegalmente in America attraverso i confini con l'Arizona:
http://www.time.com/time/
covers/1101010611/nachtwey/

 
torna all'articolo